FANDOM


Undicesimo Dottore

La caduta dell'undicesimo

Insieme a molte altre astronavi, il TARDIS captò un segnale di soccorso in arrivo da un pianeta sconosciuto; dopo aver abbordato sia navi Dalek che Cyberman, andò a far visita a Clara che stava preparando il pranzo di Natale per la sua famiglia, e insieme a lei raggiunse il Mainframe Papale. Qua, Tasha Lem disse loro di andare sul pianeta a investigare la natura del messaggio, e dirigersi verso la città di Natale.

Arrivati alla torre dell'orologio del paese, il Dottore scoprì con orrore che il messaggio, "Dottore Chi?" veniva trasmesso attraverso una crepa nel tempo, e che proveniva dai Signori del Tempo, che intrappolati in un universo tasca cercavano di liberarsi. Se avesse pronunciato il proprio nome, i Signori del Tempo sarebbero usciti, ma allo stesso tempo le restanti astronavi sarebbero scese sul pianeta, dando inizio ad una nuova Guerra del Tempo. Si rese poi conto che il pianeta era in realtà Trenzalore, secoli prima della prima visita sua e di Clara, e che era questo il motivo per cui il Silenzio aveva tentato di ucciderlo per così tanto tempo.

A questo punto il Dottore tentò di ingannare Clara per farla tornare a casa nel TARDIS, ma lei si aggrappò all'esterno della navicella, e questa viaggiò nel futuro di 300 anni senza lasciare il pianeta. Nel frattempo il Dottore divenne il protettore di Natale, affrontando Dalek, Cybermen, Angeli Piangenti e Sontaran.

Quando i due si riunirono poterono osservare la breve alba di Trenzalore, mentre Maniglie, unico compagno del Dottore nei precedenti 300 anni, andò definitivamente fuori uso. Poi tornarono al Mainframe Papale, diventato ora la Chiesa del Silenzio, e scoprirono che Tasha Lem e tutto l'equipaggio erano stati uccisi dai Dalek e trasformati in schiavi-pupazzi. Anche se Tasha riuscì ad opporre resistenza contro i Dalek, non poté impedire la distruzione dello scudo eretto dal Mainframe, e su Trenzalore scoppiò la guerra.

Questa volta il Dottore fece tornare a casa Clara e rimase per altri 600 anni sul pianeta, combattendo fianco a fianco col Silenzio e costringendo alla ritirata tutti tranne i Dalek. Quando poi si avvicinò la sua ora, Tasha fece tornare Clara, per evitare che il Dottore morisse da solo. Ma lui, rendendosi conto di non avere alcuna possibilità di sopravvivere, decise di arrendersi ai Dalek.

Sulla cima della torre dell'orologio, il Dottore ammise davanti ai suoi nemici di non avere più rigenerazioni disponibili. I Dalek si prepararono a sferrare il loro ultimo attacco sulla città, ma proprio in quel momento si aprì una crepa nel cielo, dalla quale i Signori del Tempo riuscirono a donare al Dottore un nuovo ciclo di rigenerazioni. Inizialmente scioccato al vedere le proprie mani risplendere di energia rigenerativa, il Dottore utilizzò il potere esplosivo che aveva a disposizione per distruggere le loro navicelle da combattimento e le loro truppe a terra.

Decimo Dottore

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.